Progetto Upala

654

Progettazione di piccoli sistemi di energia rinnovabile per un centro di accoglienza di migranti e di donne vittime di violenza, strutturato come fattoria sostenibile nel cantone isolato di Upala in Costa Rica.
La Costa Rica confinando con il Nicaragua è soggetta a frequenti
flussi migratori, ma le istituzioni sono completamento assenti.

Il nostro progetto nasce dalla collaborazione con l’associazione no-profit “Centro de Derechos Sociale del Migrante”, meglio conosciuto come Cenderos, fondato nel 2001 da un gruppo di donne nicaraguensi migranti.

Dal punto di vista sociale il progetto mira oltre all’accoglienza, e quindi alla restituzione dei diritti basilari di un essere umano (salute, cibo e casa), anche all’inserimento nella società dei rifugiati. Le persone accolte infatti saranno parte integrante delle attività lavorative della fattoria, che oltre a essere autosufficiente mira a creare piccole attività imprenditoriali attraverso la vendita diretta dei prodotti agricoli.

Dal punto di vista ingegneristico ed energetico, nel settembre 2016 gli studenti del VII FSA, Sabrina Trano e Claudio Cipriani, hanno progettato piccoli impianti energetici sostenibili da installare. Il progetto e’ stato poi portato avanti dagli studenti dei corsi successivi.

Prevede: l’installazione di un impianto fotovoltaico, dell’OSEC (una tecnologia per la purificazione dell’acqua), di una cucina solare, di un mini impianto idroelettrico.
(Nella foto i ragazzi del IX FSA appena concluso e le donne dell’associazione Cenderos).